Panoramica del provisioning automatico dell'app Webex

La funzione di provisioning automatico in Control Hub consente agli utenti di eseguire il provisioning automatico dei dispositivi per la chiamata in Webex (Unified CM) senza alcun intervento o minimo. Questa funzione evita l'over-provisioning di più dispositivi in Unified CM per ridurre al minimo l'impatto sulla scalabilità del cluster e sull'utilizzo delle licenze. I dispositivi vengono creati automaticamente in Unified CM, quando un utente predisposto per la chiamata in Webex (Unified CM) accede con l'indirizzo e-mail registrato o l'ID utente all'app Webex.

Gli amministratori non devono passare a Unified CM per eseguire il pre-provisioning di qualsiasi dispositivo dell'app Webex per gli utenti nella relativa organizzazione. Se l'utente accede all'app Webex con qualsiasi dispositivo per la prima volta e se il dispositivo non è già disponibile nel server Unified CM, il nuovo tipo di dispositivo viene creato automaticamente per l'utente.

Questa funzione consente il provisioning automatico dei seguenti tipi di dispositivi in Unified CM per gli utenti quando abilitono l'app Webex da diverse piattaforme di dispositivi:

  • Dispositivo Android (BOT)

  • Dispositivi Chromebook/iPad (TAB)

  • Dispositivi Windows/MAC (CSF)

  • Dispositivo iPhone (TCT)


Dopo l'eliminazione di un dispositivo, si consiglia di attendere da 5 a 10 minuti prima di eseguire il provisioning automatico di un dispositivo dello stesso tipo. Inoltre, è possibile ripristinare il dispositivo dall'app Webex prima di eseguirlo nuovamente il provisioning automatico (andare > Controllo stato e fare clic sul pulsante Reimposta).

La pulizia automatica e l'eliminazione dei dispositivi predisposti automaticamente non sono attualmente supportate.

Prerequisito

Prima di pianificare di consentire il provisioning automatico dell'app Webex per gli utenti, verificare di soddisfare i seguenti requisiti:

  • Attivare Cloud-Connected UC e impostare i dispositivi locali nella propria organizzazione per comunicare con Control Hub. Per ulteriori informazioni, vedere Impostazione di Cloud-Connected UC per i dispositivilocali.

  • Per la account utente in Control Hub, aggiungere una licenza di base Webex Calling professionale.

  • Cisco Unified Communications Manager cluster devono essere della versione 11.5 o superiore. Vedere la versione Unified CM supportata per la chiamata in Webex (Unified CM) in Guida alla distribuzione per la chiamata in Webex (UnifiedCM).

  • La versione minima supportata dell'app Webex è 41.12 e superiore.

  • La versione minima Cisco Expressway release è X14.0.2. Se la versione di Expressway è precedente alla versione consigliata, Expressway deve aggiungere manualmente i seguenti URL all'elenco dei consentiti per consentire ai client esterni (Cisco Jabber o Webex App) di accedere ai nodi Unified Communications rilevati con la configurazione MRA:

    • POST: https://{{cucmip}}:8443/devicemanagement/v1/clientAutoProv/createDevice

    • GET: https://{{cucmip}}:8443/ucmservices/v1/supportedServices

  • Assicurarsi che l'ID utente o l'ID e-mail degli utenti Unified CM corrisponda all'ID utente dell'entità record utente nel servizio di identità Webex. Inoltre, gli utenti configurati nel server Unified CM devono essere disponibili nel servizio di identità Webex delle organizzazioni.

È necessario attivare il provisioning dell'app Webex per il servizio di chiamata Unified CM in Webex Cloud-Connected UC per consentire il provisioning automatico dell'app Webex per la chiamata Unified CM. Questo servizio deve essere attivato per almeno uno dei cluster Unified CM in modo che le impostazioni della funzione di provisioning automatico siano visibili in Webex Control Hub, in Chiamata > Impostazioni client > Impostazioni Unified CM > Consenti provisioning automatico per Webex).

1

Dalla vista del cliente in Control Hub, andare a Servizi > Connected UC. Nella scheda UC Management, fare clic su Inventario.

Viene visualizzato l'elenco di gruppi di cluster con la descrizione, lo stato, i cluster e i nodi.
2

Fare clic su Dettagli accanto al gruppo di cluster a cui appartiene il nodo.

Viene visualizzata la pagina Inventario, che mostra l'elenco di cluster appartenenti al gruppo di cluster selezionato.
3

Fare clic su Dettagli accanto al cluster a cui appartiene il nodo Unified CM.

Viene visualizzato il nome del nodo con la versione, il prodotto e lo stato.
4

Fare clic sui puntini di sospensione ⋮ di modifica accanto a Cronologia eventi e scegliere Gestione servizio.

Viene visualizzata la pagina Gestione servizi con l'elenco dei servizi.
5

Utilizzare il pulsante di attivazione/disattivazione per abilitare il Provisioning dell'app Webex per il servizio Unified CM Calling.

6

Fare clic su Invia.

7

Accettare il criterio di conferma della raccolta dati e fare clic su Invia per attivare il servizio.


 
Se hai già accettato il criterio come parte di qualsiasi altra funzione di attivazione della funzionalità Webex Cloud-Connected UC, questo banner non verrà visualizzato.

Questa funzione consente di abilitare o disabilitare il provisioning automatico dei dispositivi app Webex per la chiamata in Webex (Unified CM) a livello di organizzazione. Per impostazione predefinita, questa opzione è disabilitata anche se il provisioning dell'app Cisco Webex per il servizio di chiamata Unified CM è attivato per il provisioning.

1

Dalla vista del cliente in Control Hub (https://admin.webex.com), andare a Servizi > chiamata > Impostazioni client di .

2

In Impostazioni Unified CM, utilizzare il pulsante di attivazione/disattivazione per abilitare la funzione Consenti provisioning automatico per Webex.

Qui, questa funzione è abilitata per il provisioning automatico del dispositivo quando un utente Unified Communications Manager accede con l'ID utente o l'indirizzo e-mail registrato.

3

Definire i criteri per determinare quali dispositivi sono consentiti per il provisioning automatico. Scegliere da un'opzione:

  • Desktop e mobile

  • Solo desktop

  • Solo mobile

È possibile configurare l'app Webex di provisioning automatico per gli utenti su desktop, mobile o entrambi.


 

È possibile anche modificare questa impostazione a livello di utente per determinati utenti in Control Hub. Per le impostazioni a livello di utente, vedere Modifica impostazioni di provisioning automatico per l'app Webex per un singoloutente.

Le impostazioni a livello di utente hanno priorità sulle impostazioni a livello predefinito dell'organizzazione per il provisioning automatico della funzione dell'app Webex.

Modifica delle impostazioni di provisioning automatico per l'app Webex per un singolo utente

È possibile personalizzare le impostazioni di provisioning automatico per i dispositivi dell'app Webex per un singolo utente in un cluster.

Per la account utente in Control Hub, aggiungere una licenza di base Webex Calling professionale.

1

Dalla vista del cliente in https://admin.webex.com, Vai a Gestione > utenti .

2

Selezionare l'utente da modificare e fare clic su Chiamata.

3

Nelle impostazioni di Unified Communications Manager, utilizzare il pulsante di attivazione/disattivazione per decidere se si desidera abilitare o disabilitare la funzione Consenti provisioning automatico per Webex per questo utente.

4

Selezionare l'opzione del dispositivo consentito dalla elenco a discesa.

È possibile scegliere una delle seguenti opzioni: Solo desktop o mobile o entrambi.

È possibile configurare il timer di scadenza del nuovo token di aggiornamento OAuth in giorni per le applicazioni client. Aggiorna i token emessi dopo che la modifica utilizza il nuovo timer di scadenza e i token di aggiornamento emessi in precedenza cessano di essere validi e ciò impone a tutte le applicazioni client che utilizzano token di aggiornamento precedente di eseguire nuovamente l'autenticazione. Altrimenti, sarà necessario eseguire nuovamente l'autenticazione per un nuovo token quando questo timer scade per tutti gli utenti.

1

Per impostare il timer di scadenza, accedere a Control Hub, fare clic su Servizi > chiamata > impostazioni client, quindi andare a Impostazioni Unified CM.

2

Inserire il numero di giorni nel timer di scadenza per token di aggiornamento OAuth per impostare il timer di scadenza. L'intervallo consentito è compreso tra 1 e 1825 giorni. Il valore predefinito è 60.

Gli aggiornamenti a questo campo hanno effetto immediato.

Dopo aver modificato inizialmente l'impostazione del timer di scadenza da Control Hub, è possibile modificare nuovamente questa impostazione a livello del singolo cluster. Le impostazioni a livello di cluster hanno sempre priorità.

Nella tabella seguente vengono elencati gli scenari e le impostazioni del modello utilizzati quando viene creato un nuovo dispositivo.

Scenari

Dispositivi esistenti

Impostazioni utilizzate per il nuovo dispositivo

L'utente esegue l'accesso per la prima volta da un nuovo dispositivo mobile o desktop.

Nessun dispositivo disponibile

Impostazionidispositivo: il modello del dispositivo del profilo utente viene utilizzato nel seguente ordine di preferenza.

  1. Modello UDT (Universal Device Template) mobile e desktop

  2. Cisco IP Phone (telefono della scrivania) UDT

  3. Se l'UDT non è disponibile, viene utilizzato il modello di registrazione automatica (definito dal sistema) del cluster.


 
La creazione del dispositivo non riesce se non è disponibile una delle tre opzioni precedenti.

Modello pulsante telefono– Modello specifico del modello standard

L'utente esegue l'accesso per la prima volta da un nuovo dispositivo mobile o desktop.

Qualsiasi dispositivo

Impostazioni dispositivo: le impostazioni dei dispositivi esistenti degli utenti vengono utilizzate per il nuovo dispositivonel seguente ordine di preferenza: cellulare, desktop o telefono IP Cisco.

Modello pulsantetelefono: modello standard, modello di pulsante telefono specifico

Dati di sicurezza del telefono per i nuovi dispositivi predisposti

In base al profilo di sicurezza del telefono precedente, il nuovo telefono sceglie uno di questi nuovi profili per un dispositivo appena creato.

Impostazioni del profilo di sicurezza precedente

Nuovo nome profilo mappato

Profilo di sicurezza universale (indipendente dal modello)

Profilo di sicurezza universale (indipendente dal modello)

Profilo di sicurezza specifico del modello standard

Profilo di sicurezza specifico per il nuovo modello standard

Profilo di sicurezza specifico modello personalizzato

Profilo di sicurezza specifico per il nuovo modello standard

Profilo di sicurezza universale personalizzato (indipendente dal modello)

Profilo di sicurezza universale personalizzato (indipendente dal modello)