Programmare la migrazione - Panoramica

Le informazioni sulla migrazione consentono di programmare la migrazione Jabber da una distribuzione locale alla distribuzione di cloud. Consente di raccogliere le informazioni necessarie sui servizi di distribuzione locali esistenti dell'utente, ad esempio integrazione di terze parti, tipi di endpoint e configurazioni e il tipo di servizi utilizzati dagli utenti finali. È inoltre possibile visualizzare l'elenco delle funzioni di messaggistica istantanea e presenza e Jabber che potrebbero non essere disponibili o che potrebbero essere parzialmente disponibili dopo la migrazione. Queste informazioni consentono di pianificare e creare una tempistica per il passaggio al cloud in modo efficace.

Prerequisiti

Prima di pianificare la migrazione, verificare di aver soddisfatto i seguenti requisiti:

  • Accesso a Cisco Webex Control Hub con privilegi di amministratore completi: l'App WebEx è gestita principalmente da Cisco WebEx Control Hub, che è l'interfaccia di gestione per la piattaforma WebEx. Per ulteriori informazioni, consultare Assegnazione dei ruoli dell'account organizzazione in Cisco Webex Control Hub.

  • Integrare la propria organizzazione per Cloud-Connected UC: integrare la propria organizzazione per Cloud-Connected UCper raccogliere le informazioni richieste sugli utenti e i cluster che si intende migrare. Per maggiori informazioni, consultare Impostare Cisco Webex Cloud-Connected UC per dispositivi locali.

  • Abilitare le Informazioni di distribuzione: abilitare il servizio di Informazioni di distribuzione su tutti i cluster di Unified CM e di Messaggistica istantanea e presenza. In questo modo è possibile inviare i dettagli di configurazione al cloud, richiesti per la migrazione. Per ulteriori informazioni, consultare Abilitare i servizi Cloud-Connected UC.

Programmare la migrazione

1

Dalla visualizzazione cliente in Cisco Webex Control Hub, andare a Servizi > Aggiornamenti.


 
La scheda Informazioni di migrazioneè abilitata solo dopo aver eseguito l'onboarding dell'organizzazione a Cloud-Connected UC.
2

Nella scheda Informazioni di migrazione, fare clic su Visualizza.

Viene visualizzata la finestra di dialogo Conferma raccolta dei dati.
3

Leggere il messaggio sullo schermo, selezionare la casella di selezione Sì, accetto e fare clic su Invia.

4

Viene visualizzata la pagina Informazioni di migrazione contenente i seguenti dettagli:

  • Nome cluster di Unified CM : il nome del cluster di Unified CM. È possibile utilizzare il campo Cerca per cercare e filtrare i nomi dei cluster. Di seguito sono elencati solo i cluster abilitati di Informazioni sulla distribuzione.

  • Profili del servizio: elenca i profili del servizio di Unified CM.

  • Totale utenti : il numero di utenti nel cluster di Unified CM.

  • Informazioni di programmazione: elenca le funzioni disponibili nel cluster o le funzioni che possono richiedere programmazione.

5

Fare clic su Dettagli nella colonna Informazioni di programmazione.

Nella pagina Informazioni di migrazione viene visualizzato l'elenco delle funzioni di Messaggistica istantanea e presenza e client Jabber. Per ulteriori informazioni sull'elenco delle funzioni, consultare l'Elenco delle funzioni.

 
La funzionalità di queste funzioni può essere associata o meno in modo diretto in caso di transizione all'App Webex.
6

Fare clic su Scarica report per visualizzare i dettagli della funzione.

7

Fare clic sul collegamento Guida alla migrazione presente nella parte superiore della pagina, per visualizzare i dettagli della programmazione.

Elenco delle funzionalità

Nella tabella seguente vengono riportate le funzioni che Cisco WebEx Cloud-Connected UC rileva se configurate durante la distribuzione. Queste funzionalità sono contrassegnate per un'ulteriore pianificazione poiché possono o non possono associarsi direttamente quando si passa all'App WebEx.

Tabella 1. Elenco delle funzioni

Funzioni

Descrizione

Funzioni di Messaggistica istantanea e presenza

Compliance server di terze parti

Il servizio di Messaggistica istantanea e presenza si integra con uno o più compliance server di terze parti per la registrazione di conformità o la funzionalità di ethical wall. È possibile selezionare quali eventi di Messaggistica istantanea, presenza o chat di gruppo vengono trasmessi al server di conformità e quali eventi vengono bloccati. La compliance server di terze parti applica qualsiasi criterio o filtraggio pertinente all'evento, quindi istruisce il servizio di Messaggistica istantanea e presenza se l'evento deve essere elaborato ulteriormente.

Federazione B2B

La rete di Messaggistica immediata federata consente la comunicazione tra diversi client e piattaforme di Messaggistica istantanea per scambiare informazioni sulla disponibilità e Messaggistica istantanea con gli utenti di domini esterni.

Federazione B2B (SIP)

Gli utenti del servizio di Messaggistica istantanea e presenza possono comunicare con gli utenti in domini esterni, ad esempio i domini federati SIP (Session Initiation Protocol).

Federazione B2B (XMPP)

Gli utenti del servizio di Messaggistica istantanea e presenza possono comunicare con gli utenti in domini esterni utilizzando applicazioni di messaggistica che supportano il Protocollo XMPP (Extensible Messaging and Presence Protocol).

Federazione B2B (E-mail)

Quando si configura il servizio di Messaggistica istantanea e presenza per utilizzare l'indirizzo e-mail per la federazione SIP o XMPP, il servizio di Messaggistica istantanea e presenza scambia l'indirizzo IM dell'utente locale per l'indirizzo e-mail dell'utente in tutte le comunicazioni con un elenco di contatti federati.

Elenco contatti in base al gruppo Enterprise (Enterprise AD)

Quando il gruppo Enterprise viene configurato, Unified CM include i gruppi utenti che sincronizzano il proprio database con una rubrica LDAP esterna . È possibile effettuare il provisioning degli utenti con tratti caratteristici simili, indirizzare messaggi a tutti gli utenti di un gruppo specifico e configurare l'accesso uniforme per tutti i membri di un gruppo specifico. Gli utenti di Cisco Jabber possono anche cercare i gruppi aziendali o vedere i gruppi già aggiunti agli elenchi dei contatti.

Modalità FIPS per la distribuzione

Il servizio di Messaggistica istantanea e presenza può essere configurato in modo da essere utilizzato in modalità FIPS, che consente al sistema di rispettare le norme Federal Information Processing Standards (FIPS), lo standard governativo di Stati Uniti e Canada per i moduli crittografici. Il FIPS specifica le procedure consigliate per l'implementazione degli algoritmi di crittografia, la gestione di chiavi crittografiche e di buffer di dati e l'utilizzo del sistema operativo.

Archiviazione dei messaggi

Fornisce supporto per la conformità alla Messaggistica istantanea raccogliendo i dati per le attività di Messaggistica istantanea in cluster singolo, intercluster o configurazioni di rete federate. Sono inclusi i messaggi point-to-point e varie forme di chat di gruppo.

Chat persistente

Le chat room persistenti sono sessioni di chat di gruppo che continuano ad esistere anche dopo che tutti gli utenti hanno lasciato la stanza. Gli utenti nel corso del tempo possono tornare nella stanza per collaborare e condividere conoscenze, cercare negli archivi (se questa funzione è abilitata nel servizio di Messaggistica istantanea e presenza) e partecipare alla discussione dell'argomento specifico in tempo reale. Quando si configurano le chat room persistenti, è necessario impostare un'istanza di database esterno a parte per ogni nodo che ospita le chat room persistenti.

Funzioni generali Jabber

Controllo desktop remoto

In caso di condivisione dello schermo da una Messaggistica istantanea, un utente può richiedere l'autorizzazione per controllare in remoto il desktop dell'utente che condivide lo schermo. Entrambi gli utenti possono rievocare il controllo del desktop remoto in qualsiasi momento. Il controllo del desktop remoto non è attualmente supportato su Expressway per accesso remoto e mobile.

Controllo remoto della videocamera

(FECC)

Nelle chiamate che supportano il Controllo remoto della videocamera (FECC), è possibile regolare la videocamera remota per offrire una visione migliore durante le video chiamate. Il FECC è disponibile per gli utenti se l'endpoint lo supporta. Per esempio, se si utilizza un Cisco Bridge, è possibile scegliere il layout dei display video durante la chiamata in conferenza.

ActiveControl CMS

ActiveControl di Cisco Meeting Server offre ai partecipanti alla riunione la possibilità di controllare la propria esperienza di riunione direttamente dall'endpoint delle conferenze tramite ActiveControl senza necessità di applicazioni od operatori esterni.

Utilizzo dei Supporti di sicurezza con CAPF o OAuth

Le registrazioni protette in Unified CM implicano un processo di aggiornamento dei file CTL, l'impostazione di un archivio attendibile dei certificati reciproci e così via. Se un dispositivo Cisco Jabber passa da in sede a fuori sede, è difficile aggiornare i certificati firmati localmente e rinnovare la funzione di CAPF (Certificate Authority proxy) ogni volta che viene completata una registrazione protetta. La modalità SIP OAuth consente di utilizzare i token di aggiornamento OAuth per l'autenticazione Cisco Jabber in ambienti protetti. Il supporto di OAuth sulla linea SIP di Unified Communications Manager consente supporti e segnalazione in sicurezza senza CAPF. La convalida del token OAuth durante la registrazione SIP viene completata quando l'autorizzazione basata su OAuth viene abilitata sul cluster di Unified Communications Manager ed endpoint Jabber Cisco.

Risoluzione dei problemi di migrazione

In questa sezione vengono fornite le informazioni e le soluzioni necessarie per risolvere alcuni dei problemi comuni che potrebbero verificarsi prima di programmare la migrazione o durante la migrazione all'App WebEx.

Attivazione del servizio

Dopo aver attivato le informazioni di distribuzione, i dati aggiornati possono essere importati nella pagina Informazioni sulla migrazione dopo circa 4 - 5 ore.

Aggiornamenti in blocco su Control Hub o Locale

Dopo aver eseguito gli aggiornamenti in blocco sui nodi Control Hub o Locale, i dati aggiornati possono essere importati nella pagina Informazioni sulla migrazione dopo circa 4 - 5 ore.